Apparato digerente

L'apparato digerente.

 

È formato dal un lungo tubo che inizia con la bocca e finisce con l'ano. Le parti principali in cui si suddivide sono: bocca, faringe, esofago, stomaco, intestino tenue, intestino crasso.
Ci sono alcune ghiandole che, producono sostanze che trasformano gli alimenti durante la digestione: le ghiandole salivari, il fegato ed il pancreas.
La digestione del cibo inizia nella bocca. La lingua è un muscolo che rimescola il cibo e lo porta fra i denti i quali lo tagliano e lo sminuzzano.
Nella bocca ci sono le ghiandole salivari che producono la saliva. La saliva è un liquido che bagna il cibo e aiuta a masticare.
La saliva contiene una sostanza chiamata ptialina che inizia la scomposizione chimica degli alimenti. Gli enzimi sono delle proteine che si trovano in tutti gli esseri viventi ed hanno il compito di facilitare le reazioni chimiche necessarie alla vita degli organismi. Il boccone di cibo masticato forma una pallottola, chiamata bolo che viene deglutito, passa dalla bocca all'esofago.
L'esofago è un tubo lungo 25 cm che collega la bocca allo stomaco, i muscoli dell’esofago si contraggono e spingono il bolo nello stomaco. Nello stomaco c'è una valvola, il cardias che non permette al cibo di risalire. Nello stomaco ci sono tante piccole ghiandole che producono acido cloridrico e diversi enzimi, il più importante è la pepsina. L'acido cloridrico, scioglie il cibo, uccide i microrganismi dannosi, e trasforma il bolo in chimo. La pepsina scompone le proteine in molecole più semplici i peptoni, poi in aminoacidi.
La digestione viene completata nell’intestino tenue. Il fegato e il pancreas, partecipano alla fase finale della digestione. Il fegato, la ghiandola più grande dell’organismo, produce un liquido, la bile che serve a sciogliere i grassi. La bile prodotta va nella cistifellea e da qui, attraverso un tubicino raggiunge il duodeno. Il pancreas produce il succo pancreatico e anche due ormoni, l’insulina e il glucagone per regolare lo zucchero nel sangue.
Il chimo proveniente dallo stomaco è sottoposto all’azione del succo pancreatico, del succo intestinale e dalla bile. Le sostanze ormai digerite vengono assorbite dai villi intestinali e vengono portate al fegato, dove vengono elaborate e utilizzate nella costruzione d nuove proteine e zuccheri.
L'ultimo tratto dell'apparato digerente è l'intestino crasso. Al suo interno vivono molti batteri che si nutrono di tutte le sostanze non digerite nell'intestino tenue. I batteri sono utili per l'organismo, perché decomponendo le sostanze alimentari ulteriormente, rendono disponibili alcune vitamine (utili per il nostro organismo). Nell'intestino crasso vengono assorbiti i sali minerali, le vitamine e l'acqua. Il materiale decomposto, quello non digeribile come le fibre e gli stessi batteri, formano le feci, che fuoriescono dal corpo attraverso l'ano..

Inserisci i tuoi dati

Password persa? 

Ricorda Password:

NO

SI

Procedura Ripristino Password.

Inserisci l'email con la quale ti sei registrato e clicca Ripristina.
Riceverai un'email con un link che ti permetterà di scegliere una nuova password.